THA DOGG POUND

Il Dogg Pound è uno dei gruppi più importanti e famosi della West Coast, formato da Daz Dillinger (Delmar Arnaud; aka Dat Nigga Daz), cugino di Snoop Dogg e RBX, e Kurupt (Ricardo Brown; aka Young Gotti), entrambi di Long Beach (anche se Kurupt è originiario di Philadelphia). Mentre Snoop Dogg stava registrando con Dr. Dre "The Chronic", chiamò suo cugino Daz, che allora risiedeva in Oklahoma, e gli offrì un contratto per la Death Row; in quel periodo Snoop aveva scoperto anche Kurupt ed è proprio negli studi della Death Row che i due futuri membri del Dogg Pound si conoscono e diventano grandi amici, comparendo anche in diverse tracce di "The Chronic". Le loro grandi prestazioni si ripetono in "Doggystyle" di Snoop Dogg (dove Daz produce anche qualche traccia) e proprio in quel periodo, i due decidono di diventare un gruppo, formando il Dogg Pound. Nel 1995 esce il loro primo album intitolato Dogg Food, prodotto in gran parte da Daz (il quale ha rifiutato ogni coinvolgimento di Dr. Dre, che si limiterà a mixare tutte le tracce), con grandi hit come la leggendaria "New York, New York", "Smooth" e "Let’s Play House". Il disco non si discostava dal canone dei precedenti dischi della Death Row, anche per questo ottenne un buon successo. L’anno seguente Daz fu impegnato nella produzione di molte canzoni per il capolavoro di 2Pac "All Eyez On Me" (è qui che Daz raggiunge la massima popolarità) e poi dovette sostituire Dre nella produzione del secondo album di Snoop Dogg "Tha Doggfather" che non ebbe il successo del precedente. Quell'anno però la Death Row entrò in una crisi che la portò alla sua lenta fine (che avverrà di fatto solo nel 2005, con la chiusura di tutti gli uffici): 2Pac morì in un agguato il 13 Settembre del 1996 e l'anno seguente Snoop Dogg, come aveva già fattp Dr. Dre, abbandò l'etichetta. Come se non bastasse il boss della Death Row Suge Knight nel 1997 venne condannato a 7 anni di carcere (per il suo coinvolgimento nel pestaggio di Orlando Anderson poco prima che 2Pac venisse ucciso). Il destino  della famigerata Death Row era in mano al Dogg Pound.
 Arrivò il momento per i due di dedicarsi a una carriera solista: Daz publicò nel 1998 "Retaliation, Revenge & Get Back” (forse il suo miglior album di sempre) con feat. di Snoop Dogg, Nate Dogg, MC Eiht, Too Short, Tray Dee, Bad Azz, Soopafly e naturalmente Kurupt. Lo stesso Kurupt, invece, fece uscire "Kuruption" con l’Antra Records, un disco diviso tra East e West Coast, minore rispetto all’album del compagno Daz. Nel 1999 quando Kurupt pubblicò il secondo cd solista "Tha Streetz Is A Mutha" questa volta un vero gioiello con grandi featuring e grandi singoli. Nel 2000 la situazione della Death Row divenne insopportabile per i due, che decisero di abbandonare l'etichetta, dando vita alla DPG Recordz. 
Quello stesso anno usì "R.A.W.", il nuovo album di Daz, anche questo un capolavoro e per la stessa casa discografica nel 2001 esce il secondo attesissimo album del Dogg Pound Dillinger & Young Gotti (nomi che 2Pac aveva dato ai due) che però non ottenne il successo sperato. La Death Row intanto pubblicò 2002 una raccolta di vecchi pezzi dei due, un ottimo disco e quasi per vendetta Daz rilasciò il bellissimo "Dat Whoopty Woop" di Soopafly con pezzi registrati alla vecchia etichetta di Suge, il che fece un poco arrabbiare lo stesso Soopafly. Questo non è l’unico materiale che Daz prese dalla Death Row prima di lasciarla, il famigerato EP "Makaveli & Dillinger", infatti non è mai stato pubblicato ufficialmente, ma è facile ascoltarlo attraverso internet. Kurupt tornò a farsi sentire con "Space Boogie: Smoke Odissey", si tratta di un'ottimo disco in cui vediamo Kurupt sperimentare anche con il Rock. Proprio Kurupt metterà temporaneamente fine al Dogg Pound, prendendo una decisione drastica e assolutamente insapettata, tornando  alla Death Row dell’appena rilasciato Suge Knight. 
La vecchia DPGC si divise in due con Kurupt e Roscoe da una parte e Daz, Snoop e gli altri dall’altra. Da allora i due si scambiarono diss per anni: da ricordare soprattutto "I Didn't Change" e "Eat A Dicc" di Kurupt e "U Ain't Shit" di Daz. Diggity Daz decise di pubblicare The Last Of Tha Pound, un'altra compilation di vecchi pezzi del Dogg Pound, che avrebbe dovuto mettere fine per sempre al mitico duo di Long Beach. Mentre Kurupt cominciò a parlare di "Against Tha Grain", che uscì soltanto nel 2005, Daz firmò con la So So Def di JD e registrò l'album "So So Gangsta". Nel 2005, proprio quando la West Coast cominciò a vedere un po' più di luce grazie a The Game, Kurupt e Daz l'1 Aprile annunciarono al mondo di essere tornati insieme. Molti pensarono ad uno scherzo, ma era la verità. L'1 Novembre 2005, a 10 anni di distanza da "Dogg Food", il Dogg Pound ha pubblicato il suo terzo album, intitolato Dillinger & Young Gotti 2: The Saga Continuez..., prodotto per la maggior parte da Daz Dillinger. Il disco ha venduto solo 5.000 copie la prima settimana ed è stato un flop, ma i fan hanno apprezzato comunque quest'album, che seppur non all'altezza dei precedenti è decisamente valido. Il ritorno ufficiale del Dogg Pound ai grandi livelli avviene invece con Cali Iz Active, disco realizzato insieme a Snoop Dogg in uscita il 27 Giugno 2006 per la Doggystyle Records. Finalmente tornati con il loro nome "Tha Dogg Pound" (che Snoop ha acquistato da Suge), per il lancio del disco i tre hanno realizzato uno dei più bei video della storia della West Coast. Nel video di "Cali Iz Active" appaiono infatti molte delle più grandi leggende della California, venute a festeggiare la ritrovata unità non solo della DPG ma di tutta la West Coast.
Daz e Kurupt in questi anni ci hanno abituato a ritmi frenetici di lavoro e infatti il 27 Marzo 2007 è uscito il loro terzo album in meno di un anno e mezzo, il disco si intitola Dogg Chit ed è sicuramente il più consistente tra i tre. L'album suona West Coast dall'inizio alla fine (escluse le 3 bonus track con sonorità Dirty South); da ricordare pezzi come "Vibe" feat. Snoop Dogg (il singolo), "Can't Get Enough" feat. Too $hort e la solare "It's A Good Ass Day".

di Killa Bee e Davizz