J. WELLS & KURUPT "DIGITAL SMOKE"

A due anni da "Digital Master" (in cui Wells produce ma non rappa), J. Wells ritorna con il suo secondo disco. Fino a pochi mesi dall'uscita era stato pensato come disco solista, ma J. Wells ha pensato bene di riorganizzarlo come album in coppia con il suo grande amico Kurupt, che appare in 6 tracce su 12.
"Digital Smoke" è sicuramente il disco della confermazione per questo giovane produttore, che non solo ha prodotto praticamente tutte le tracce ma si è messo anche a rappare con continuità e ha già annunciato che il suo terzo disco sarà un album solista in cui rapperà dall'inizio alla fine.

01. Smokestra (produced by J. Wells)
Su un beat di soli violini, Kurupt ci introduce al disco. S.V.

02. All We Smoke (produced by J. Wells)
Classico. Me ne sono innamorato già dalla prima volta che l'ho sentita, con quel piano stupendo, l'aggiunta di trombe e violini, una produzione davvero complessa e maledettamente fonky. J. Wells come rapper realizza la sua miglior performance di sempre, rendendo omaggio alla città di Los Angeles e al suo suono, citando gli artisti che più l'hanno influenzato. La seconda strofa vede la partecipazione di Kurupt che si dimostra subito in forma, molto meglio che nei recenti dischi del Dogg Pound. 10/10

03. I'm Just Sayin' feat. Roscoe & Tri-Star (produced by J. Wells)
Il beat è piuttosto ripetitivo ma accettabile. Kurupt fa una buona strofa, così come suo fratello Roscoe, però J. Wells doveva fare di meglio col beat, questi loop ripetuti lasciamoli all'East Coast. 7/10

04. Get It feat. Goodie Mob & Roscoe (produced by J. Wells)
Che bomba, questa canzone è pensata per un pubblico del South ma non è nemmeno South, semplicemente ha dei bassi che picchiano di maledetto. E' un grande pezzo da club che fa muovere parecchio, specialmente grazie anche all'ipnotico ritornello e al bridge. Devastante, Kurupt cambia persino il suo flow e lo rende perfetto per la base. La canzone "West incontra il South" più riuscita della storia. 10/10

05. I'm Too Gangsta feat. Gail Gotti & Styliztik Jones (produced by J. Wells)
Dopo qualche sparo di pistola che sembra scaricato da Internet, parte un beat East Coast abbastanza Old School. L'idea è buona ma già dal titolo capirete che si parla delle solite cose, niente di interessante. Moglie e marito, Gail Gotti e Young Gotti, se la intendono però non sembrano proprio ispiratissimi. 7/10

06. Summertime feat. Y.A., Gail Gotti & Nire (produced by J. Wells)
E quanto ci voleva, eccola qui la canzone dell'Estate 2007. Il synth attacca riprendendo "There Ain't No Fun" di Snoop Dogg e già lì ti stende, poi J. Wells aggiunge tanti elementi che rendono questo pezzo così rilassante ed estivo. Gli Y.A. di Roscoe fanno il loro lavoro, così come Gail Gotti che fa una bella strofa. Da notare soprattutto Nire che canta benissimo e porta il pezzo su un altro livello.  10/10

07. Digital Experience feat. Bigg Gipp of Goodie Mob (produced by J. Wells)
Nel disco ci sono troppi skit che rovinano l'atmosfera. S.V.

08. Smokin feat. Y.A. & James DeBarge (produced by Blaqthoven)
Capolavoro. Già la presenza di James DeBarge è una gran cosa, era troppi anni che non lo sentivamo su qualcosa di nuovo. L'unica produzione del disco che non è di J. Wells, Blaqthoven è un genio e lo sappiamo, qui si conferma contribuendo con un beat esagerato. Altra buona prova dei Y.A. e ovviamente ottimo James DeBarge. 10/10

09. History feat. Butch Cassidy (produced by J. Wells)
Ma che basi ha sto disco? J. Wells è una bestia, ha la sua visione del Funk e la applica in un modo originale, è facile riconoscere un suo beat, come è facile riconoscere quelli di Quik e Battlecat, e questo è un buon segno, credetemi. Kurupt torna a sfornare rime in grande stile, sfornando due strofe di classe, è così che ci piace; bravo anche J. Wells, che come ho già detto ha un potenziale al microfono. Butch cosa devo dire, canta divinamente, come sempre. 9/10

10. Weed Types (produced by J. Wells)
Altro skit evitabile. S.V.

11. Los Angeles feat. Samuel "Shawty" Christian
(produced by J. Wells)
Bella prova solista di J. Wells, che questa volta splende più per le sue liriche che per il beat. J. Wells racconta la sua storia, l'incontro con Kurupt mentre stava litigando con Daz, la realizzazione del classico "I Didn't Change", per arrivare fino al presente. La base è buona, certo se non avesse aggiunto quella melodia monotona ripetuta di continuo sarebbe stato meglio. 8/10

12. Got Me Goin' feat. Knoc-turn'al (produced by J. Wells)
Potente, che vede la presenza dello sfortunato Knoc, che da quando ha lasciato Dr. Dre si ritrova senza contratto e a fare qualche ospitata ogni tanto. Knoc non mi sta simpaticissimo e qui rappa alla sua maniera, la base molto ritmata lo favorisce e il risultato è buono. 8/10

13. Itz Nothin feat. Roscoe (produced by J. Wells)
Ritorna Roscoe, molto presente nel disco, in una canzone solista. Pezzo veloce, niente di eccezionale. Tra l'altro J. Wells deve aver parecchi amici nell'industria dei video giochi perchè piazzano sempre qualche suo pezzo in qualche gioco, anche questo è il caso. 7/10

14. I Came In The Door feat. Kokane (produced by J. Wells)
Traccia molto lenta, probabilmente la peggiore del disco. Kokane non mi è mai piaciuto e confermo. Quik ha dato una mano facendo qualche ritocco al beat ma non c'è niente da fare, DJ Quik ormai non è più lui. 6/10

15. Likwit Smokestra (produced by J. Wells)
L'ultimo dei tanti skit, tra l'altro con la stessa base del primo. S.V.

16. Let Em Know feat. Tha Alkaholiks & Butch Cassidy (produced by J. Wells)
Si va a chiudere con la doverosa presenza dei 'Liks di J-Ro, che ha scoperto J. Wells. Un pezzo tranquillo ma con un atmosfera gangsta, alla fine Kurupt fa i saluti e J. Wells lascia andare il beat, chiudendolo alla grande; si vede che il ragazzo ha studiato le lezioni di DJ Quik. 8/10

Un gran bel disco con un J. Wells che fa basi spettacolari e rappa pure bene e un Kurupt in formissima. La prima parte è praticamente un classico, nella seconda purtroppo cala ed è un peccato, perchè altrimenti avrebbero fatto la storia. Uno dei migliori prodotti della West Coast di oggi.

VOTO: 8,5/10

di Davizz