HI-C "THE HI-LIFE HUSTLE"

A quasi 11 anni dalla pubblicazione del suo ultimo lavoro ("Swing' n", 1993), Hi-C, uno dei soci più fidati del camp di DJ Quik, pubblica dopo alcuni problemi con la distribuzione "The Hi-Life Hustle" grazie all'aiuto di J. Prince e della sua Rap-A-Lot Records.

 

 

 

 



01. Hi Life Intro
S.V.

02. Say Woop feat. Suga Free (produced by Crawfdog)
L' album inizia subito con un pezzo forte, una canzone che campiona "Funkin, For You" del re del P-Funk George Clinton. Crawfdog non è altro che l' alias usato da Hi-C per produrre: la base è buona, il ritmo viene scandito dal tipico "clap" del battito delle mani. Ad Hi-C toccano i primi due versi e sembra proprio non aver perso il suo carisma e il suo flow, il suo ritronello ti entra in testa. Ottima la presenza di un altro grande membro della cricca di DJ Quik, uno dei personaggi più strampalati della West Coast: il pimp Suga Free, bella la sua strofa. Indubbiamente un grande pezzo. 10/10

03. I Don’ t Wanna Know feat. Nate Dogg (produced by Crawfdog & Robert "Fonksta" Bacon)
Beat veloce e martellante prodotto da Hi-C e dal grande Robert "Fonksta" Bacon che i veri fans di DJ Quik conosceranno bene essendo uno dei "musicisti" del fenomeno di Compton, chitarra e basso soprattutto. Nel ritornello dell' intramontabile Nate Dogg si può sentire in sottofondo la mitica chitarra elettrica di Robert Bacon che fa anche un grandioso outro. Bene Hi-C, un' altra bella traccia. 8/10

04. Talk feat. Sly Boogy & E-40 (produced by Crawfdog)
Un'altra produzione potente e che forse risulta un po' ripetitiva con quelle continue note di piano... comunque sia questa base suona allegra e appropriata al contesto, si parla sostanzialmente di "pussy" e questi tre grandi esponenti del vero Rap Made In California lo fanno con delle strofe e delle rime di altissimo livello. Assolutamente geniale il vecchio 40 Fonzarelli quando dice "now it's like bonus golf pimp, I got extra holes (o "hoes", ndL)" giocando sulla parola "hoes/holes" ("zoccole/buche") in riferimento al golf. Una delle mie canzoni preferite. 9/10

05. Coochie Intro
Siamo sul set di un film porno e durante l' amplesso la tipa si lascia "andare"... Hi-C la manda a quel paese. S.V.

06. Coochie Coochie feat. Diamonique (produced by Crawfdog)
Bah ho letto molti commenti positivi su questa traccia ma sinceramente non mi piace più di tanto, il ritornello tanto meno, la base è troppo monotona e scarna. Buono in ogni caso il Rap di Hi-C, velocissimo e con buone liriche, bene anche la parte della female MC Diamonique. C' è di meglio. 6/10

07. Let Me Know feat. DJ Quik (produced by DJ Quik)
Un C-A-P-O-L-A-V-O-R-O... non c' è aggettivo più giusto per questa traccia. La base è un classico di DJ Quik con sonorità "positive", i "clap clap" dettano il ritmo, stupendo ritornello cantato con la talk box. Grandissimi sia Hi-C (che lancia anche uno shout out al defunto Mausberg, R.I.P.) sia Quik. "L' ennesima hit in stile TTP (Tree Top Piru, ndL)" come direbbe Penny. 10/10

08. Pop It feat. Big Steele & Princess (produced by Crawfdog)
Non eccezionale questa canzone "sessista", base un po' ripetitiva fatta con il piano, non male il ritornello con Hi-C e Princess che si scambiano bene. Bene Big Steele, un flow "pesante" che corrisponde alle sue caratteristiche fisiche (Big Steele è un omone che va oltre il metro e novanta e ben oltre i 100 chilogrammi di peso). 6/10

09. Hey Hey feat. Big Steele & Princess (produced by Crawfdog)
Produzione abbastanza buona, gli interpreti sono gli stessi della canzone precedente. Non male ma c' è di meglio. 6/10

10. Big Girls Need Love Too (produced by Crawfdog)
Produzione bella massiccia, Hi-C ci dice che le ragazze di un certo "peso" hanno bisogno di tanto "affetto"... 7/10

11. Stalker Bitch (Skit) 
S.V.

12. Fo A Buck (produced by Crawfdog) 
Mi piace un casino questa produzione, buono l' abbinamento piano-battito delle mani. Come sempre ottimo Hi-C in questa insolita canzone d' amore come dice lui stesso nell' intro. L' unica cosa per cui si poteva far meglio è sicuramente il ritornello. 8/10

13. So Good feat. James DeBarge (produced by Crawfdog)
Naaaaaaah non ci siamo... questa canzone non mi piace per niente, la produzione è bruttina e non si adatta assolutamente allo stile e alla grande voce di James DeBarge, Hi-C è sempre Hi-C ma non basta. La canzone che mi è piaciuta di meno. 4/10

14. Hit Me Where It Hurts (produced by DJ Quik) 
Ottima produzione di Quik caratterizzata dal basso, sempre usato dal produttore di Compton, nel ritornello si aggiungono degli scratch e una musichetta "elettronica". Non mi piace moltissimo il ritornello ma è comunque un buon pezzo. 7,5/10

15. Run Up, Done Up (produced by DJ Quik) 
Questa canzone non mi piace moltissimo, il piano è un po' ripetitivo, veramente pessimo il ritornello. Si sente rappare un tipo che sinceramente non conosco, nel booklet non è spacificato. 5/10

16. X Pills (produced by Crawfdog)
Una traccia passabile dove Hi-C parla di droga, buona l' idea di usare le note del piano in due scale differenti, nell'hook il ritornello viene cantato con "effetto megafono". 6,5/10

17. Do It (produced by DJ Quik) 
Ecco quello che secondo me è il secondo classico dell' album insieme a "Let Me Know". Ancora una volta stupenda base Funk di DJ Quik, un ritmo straordinario che ti prende troppo. Bello il ritornello cantato con la talkbox accompagnato dai dei "papaparaaaaaaa" di una tipa... una figata. Semplicemente divino l' outro o forse è meglio dire la seconda parte della canzone... eh sì perchè dopo poco più di tre minuti di Rap con delle liriche abbastanza dure di Hi-C, ci sono oltre quattro minuti cantati con la talkbox alla Roger Troutman!!! Secondo me questa canzone è davvero adatta a chiunque... oltre otto minuti che ti portano su un altro pianeta. 10/10

In conclusione dico che Hi-C non ha perso le sue qualità e quando si ritrova con il vecchio amico Quik e gli altri soci del camp viene sempre fuori qualcosa di grande. Alcune produzioni non sono sempre all' altezza e a volte tendono ad assomigliarsi leggermente, altre invece sono fantastiche. L' unica nota veramente dolente è la Rap-A-Lot: questo album infatti è stato masterizzato male, nelle ultime canzoni dell' album ci sono poche saltuarie pause di alcune frazioni di secondo che rovinano tutta l' atmosfera... una delle migliori etichette nella storia del Rap come la Rap-A-Lot Records non può permettersi certe negligenze. Tutto sommato a mio giudizio "The Hi-Life Hustle" è un bell'album con vere sonorità West, allegro e spiritoso, i fans del buon vecchio Hi-C ne saranno sicuramente soddisfatti.

VOTO: 8/10

di L Dogg