INTERVISTA A 2PAC (1995)

Era una tranquilla mattina di Gennaio quando ho preso la mia strada per Rikers Island per una conversazione con Tupac Shakur, quelle che sarebbero state le sue prime parole ad un giornalista da quando gli avevano sparato il 30 Novembre scorso. Dopo essere passato per una serie di check point e metaldetector, ho raggiunto una sala bianca da conferenze nello stesso palazzo dove Tupac era tenuto su per 3 milioni di dollari. Nell'arco di poche settimane, avrebbe dovuto ricevere una condanna che andava da 1 a quattro anni e mezzo di reclusione per coinvolgimento nell'abuso sessuale a New York. Tupac stava nella stanza senza zoppicare, in dispetto di essere stato recentemente ferito nella gamba, e altre parti. Vestito con una felpa bianca dell'Adidas e dei jeans oversize, è sembrato più attento rispetto alle altre interviste o agli altri incontri. Mi ha guardato negli occhi e abbiamo parlato e fumato una Newport dopo l'altra. "Sono nervoso", ha ammesso ad un certo punto. Dopo un incontro con la morte e le chiacchiere che seguirono, Tupac ha detto di avermi chiamato perchè "questa è la mia ultima intervista. Se vengo ucciso, voglio che la gente sappia ogni passaggio, voglio che sappiano la vera storia".

Come ti senti dopo quello che hai passato in tutti questi giorni?
Bene, nei primi due giorni in prigione, ho dovuto passare attraverso quello che è la vita come quando hai fumato erba fin quando ne hai e poi ti fermi. Emotivamente, era come se non conoscessi me stesso. Ero seduto in una stanza, ed era come se c'erano due persone nella stanza, il bene e il male. 
Quella era la parte più difficile. Dopodichè, l'erba era fuori di me. Quindi ogni giorno ho cominciato a fare migliaia di flessioni per me stesso. Leggevo tutti i libri in un giorno, e scrivevo, e questo mi metteva in pace con la mente. Poi ho cominciato a vedere la mia situazione e chiedermi cosa mi aveva portato qui. Anche se sono innocente dell'accusa che mi hanno rivolto, non sono innocente nei termini in cui ho agito.

Potresti dirmi specificamente cosa vuoi dire?
Io sono colpevole per non fare niente come sono colpevole per fare qualcosa. Non in questo caso, ma proprio nella mia vita. Avevo un lavoro da fare e non l'ho mai fatto. Avevo così paura di questa responsabilità che stavo scappando da essa. Ma ora vedo che se compio il lavoro o no, le forze del male arriveranno comunque da me. Arriveranno al 100 per cento, quindi se non avrò il cuore pronto al 100 per cento, perderò. E questo è il motivo per cui sto perdendo.
Quando ero arrivato qui, tutti i prigioneri avevano un attegiamento del tipo, "Fanculo quel gangsta-rapper." Io non sono un gangsta rapper. Io rappo le cose che mi succedono. Mi hanno sparato cinque volte, capisci cosa dico? Delle persone stavano cercando di uccidermi. Erano cose vere. Io non mi vedo come una persone speciale, vedo solo che ho più responsabilità del prossimo. 
La gente mi cerca per fare cose per loro, per avere risposte. Io non gli stavo dando niente perchè il mio cervello era per metà morto per aver fumato così tanta erba. Io sarei nella camera del mio hotel ora, fumando troppo, bevendo, andando nelle discoteche, intorpidito. Quello era essere in prigione per me. Non ero del tutto felice per le strade. Nessuno poteva dire di avermi visto felice.

Quando ho parlato con te un anno fa, hai detto che se finivi in prigione, il tuo spirito sarebbe morto. Sembra che tu stia dicendo l'opposto ora.
Quello era il parlare drogato. Il drogato sapeva che se io fossi andato in prigione, non potevo vivere. Il drogato in Tupac è morto. Il "caccia-scuse" in Tupac è morto. Il Tupac vendicativo è morto. Il Tupac che avrebbe aspettato e lasciato che accadessero cose schifose è morto. Dio mi lascia vivere per fare qualcosa di estremamente straordinario, e questo è quello che devo fare. Anche se mi danno la sentenza massima, è ancora il mio lavoro.

Puoi riportarci indietro a quella notte ai Quad Recording Studios a Time Square?
La notte della sparatoria? Sicuro. Ron G. è un DJ di New York. Lui mi fa, 'Pac, voglio che tu venga a casa mia e butti giù un po' di rap per i miei tapes" Io ho detto" Tutto a posto, lo faccio gratis". Così sono andato a casa sua, io Stretch e un paio di altri soci. Dopo che ho fatto la canzone, mi ha chiamato questo ragazzo Booker, dicendomi che voleva farmi rappare per la Little Shawn record. Ora, io non ho preso sotto buon occhio questo ragazzo, perchè vedevo chiaramente che volevano solamente usarmi, così ho detto, "Va bene, tu dammi 7 mila dollari e io farò la canzone". Lui ha detto, "Ho i soldi. Vieni". Mi sono fermato di fumare erba, e mi ha chiamato ancora. "Dove sei? Perchè non stai venendo?" E io, "Sto arrivando, aspetta."

Conoscevi questo ragazzo?
Lo conobbi tramite amicizie comuni. Lui stava provando a essere legittimato e tutto quello, così ho pensato che gli stavo facendo un favore. Ma quando l'ho richiamato per alcune indicazioni, lui mi dice, "Non ho i soldi". E io: "Se non hai i soldi, non verrò." Ha riagganciato il telefono, e poi mi ha  richiamato: "Chiamerò Andre Harrell (CEO della Uptown Entertainment) per assicurarmi che tu abbia i soldi, ma ti darò i soldi cacciandoli dal mio stesso portafogli se necessario". Così ho detto, "Ok, a posto". Come noi stavamo camminando verso il palazzo, qualcuno ha urlato da sopra lo studio. Era Little Ceaser, l'uomo di Biggie. Ecco il mio socio. Appena lo vidi, mi rilassai subito.

Quindi stai dicendo che andando in...
Mi sono innervosito perchè questo ragazzo conosceva qualcuno con cui ho avuto un litigio importante. Non volevo dirlo alla polizia, ma posso dirlo al mondo. Nigel mi introdotto a Booker. Tutti sapevano che ero a corto di soldi. Tutti i miei show stavano venendo cancellati. Tutti i soldi delle mie registrazioni andavano agli avvocati; tutti i soldi dei miei film andavano alla mia famiglia. Quindi io stavo facendo questo tipo di roba, rappare per dei ragazzi ed essere pagato.

Chi è questo ragazzo Nigel?
Io stavo in giro con lui tutto il tempo che ero a New York per "Above The Rim". Lui è venuto da me. Ha detto, "Voglio badare a te. Non hai bisogno di passare altri guai."

Nigel non va anche dal nome di Trevor?
Giusto. C'è un vero Trevor, ma Nigel si è preso entrambi gli alias, capisci? Ecco con chi andavo in giro. Ho chiuso con loro. Ero solito indossare baggies e sneakers. Mi hanno portato a fare shopping; dove ho comprato il mio Rolex e tutti i miei gioielli. Mi hanno fatto maturare. Mi hanno introdotto a tutti i gangsters di Brooklyn. Ho conosciuto la famiglia di Nigel, sono andato al compleanno del suo bambino, ho creduto in lui, sai cosa sto dicendo? Ho persino provato a mettere Nigel nel film, ma lui ha rifiutato. Questo mi ha preoccupato. Io non conosco nessun negro che non vorrebbe essere in un film.

Possiamo tornare alla sparatoria? Chi era con te quella notte?
Ero col mio socio Stretch, il suo amico Fred, e il ragazzo di mia sorella, Zayd. Non la mia guardia del corpo; io non ho una guardia del corpo. Siamo arrivati allo studio, e c'era un ragazzo fuori in abbigliamento militare con il cappello abbassato sulla sua faccia. Quando abbiamo camminato verso la porta, non ha alzato lo sguardo. Non ho mai visto un uomo nero che non mi riconosceva in un modo o nell'altro, sia con gelosia che con rispetto. Ma questo ragazzo ha solo guardato per vedere chi ero e ha riabbassato la sua faccia. Non mi colpì molto perchè avevo appena finito di fumare erba. Non  stavo pensando che mi poteva accadere qualcosa nell'atrio. Mentre stavamo aspettando per entrare, ho visto un ragazzo seduto a un tavolo che leggeva un giornale. Nemmeno lui ha alzato lo sguardo.

Questi erano entrambi uomini neri?
Si. Uomini neri sulla trentina. Così per primo ho pensato, "Questi ragazzi sono della sicurezza di Biggie", perchè avrei potuto dire che venivano da Brooklyn dal loro tipo di uniformi. Ma poi ho detto, aspettta un minuto. 
Anche i soci di Biggie mi vogliono bene, perchè non mi salutano? Ho spinto il pulsante dell'ascensore, girato intorno, e a questo punto i ragazzi sono venuti fuori con due identiche pistole 9 millimetri. "Nessuno si muova. Tutti a terra." Non sapevo cosa avrei dovuto fare. Stavo pensando che  Stretch avrebbe combattuto, lui era al di sopra di tutti quei negri. Da quel che so riguardo le cose criminali, se dei negri vengono a rapinarti, colpiscono sempre il negro più grosso per primo. Ma loro non toccarono Stretch; vennero direttamente da me. Tutti erano caduti per terra come patate, ma io mi alzai. Non era per fare il coraggioso o che, è solo che non potevo stare sul pavimento. Hanno cominciato ad afferrarmi per vedere se ero armato. Hanno detto, "Levati i gioielli", e io non li avrei mai voluti togliere. Il ragazzo rasato, quello che stava in piedi di fuori, era su di me. Stretch era per terra, e il ragazzo con il giornale stava tenendo una pistola su di lui. Stava dicendo al ragazzo rasato, "Spara a quel figlio di puttana, vaffanculo!" Quindi mi sono impaurito, perchè il ragazzo aveva la pistola sul mio stomaco. Tutto quello che potevo pensare era farmela addosso. Ho mosso il mio braccio intorno a lui per muovere la pistola dalla mia parte. Lui ha sparato e la pistola ha sparato un colpo e questa è la prima volta in cui sono stato colpito. L'ho sentito nella mia gamba; non sapevo di essere stato colpito nelle palle. Sono caduto a terra. Tutto nella mia mente diceva, Pac, pretendi di essere morto, non importa. Hanno cominciato a calciarmi, colpirmi. Io non ho mai detto, "Non sparate!". Ero dannatamente quieto. Mi stavano fregando la roba mentre stavo per terra. Ho chiuso gli occhi, ma mi stavo agitando, perchè la situazione mi faceva agitare. E poi ho sentito qualcosa dietro la mia testa, qualcosa di veramente forte. Ho pensato che mi avevano fermato o colpito con la pistola e stavano sbattendo la testa contro il pavimento. Vidi bianco, solo bianco. 
Non sentivo niente, non provavo nulla, e ho detto, "Sono incosciente". Ma ero cosciente. E quindi l'ho sentito ancora, e potevo sentire le cose ora, e le potevo vedere e mi stavano portando di nuovo ad uno stato di incoscienza.  Poi hanno continuato a colpirmi, ma a quel punto non sentivo più niente. E non vedevo niente; solo tutto bianco. Quindi mi hanno colpito di nuovo e ripresi i sensi..

Li hai mai sentiti dire i loro nomi?
No. No. Ma mi conoscevano, altrimenti non avrebbero cercato la mia pistola. 
Era come se fossero incazzati con me. Ho sentito che mi calciavano e mi sbattevano; non colpivano nessun'altro. Sentivo dire "Ooh, figlio di puttana, ooh, aah" stavano calciando forte. Quindi ho perduto conoscenza e non sentivo sangue sulla mia testa o niente. La sola cosa che sentivo era il mio stomaco che mi faceva veramente male. Il ragazzo di mia sorella mi ha girato e ha detto, "Oh, tutto a posto?". E io, "Si, mi hanno colpito, mi hanno colpito". E Fred stava dicendo di essere stato colpito, ma quello era il proiettile che era andato attraverso la mia gamba. Quindi mi sono alzato e sono andato verso la porta e la roba che mi ha scazzato è che appena ho raggiunto la porta, ho visto la macchina della polizia parchegiata li. Io ero rimasto.. "Eh?, la macchina della polizia sta arrivando, e io non sono neanche andato sopra ancora". Quindi siamo entrati nell'ascensore e andati sopra. Io zoppicavo e tutto, ma non sentivo niente. Quando siamo andati sopra, mi sono guardato intorno, e mi hanno spaventato le cose intorno a me.

Perchè?
Perchè Andre Harrel era li, Puffy era li, Biggie...c'erano circa 40 negri li. Tutti loro indossavano gioielli. Più gioielli di me. Ho visto Booker, e dalla sua faccia sembrava che era sopreso di vedermi. Perchè? Io avevo appena parlato e detto che stavo venendo sopra. Little Shawn scoppiò a piangere. Io pensai, perchè Little Shawn sta piangendo e mi hanno sparato? Stava piangendo incontrollatamente, come, "Oh mio Dio, Pac, devi sederti!" Mi stavo sentendo strano. Perchè loro vogliono farmi sedere?

Perchè cinque pallottole sono passate nel tuo corpo.
Non sapevo di essere stato colpito in testa ancora. Non sentivo niente. Ho aperto i miei pantaloni, e ho potuto vedere la polvere da sparo e il buco sui miei Karl Kani. Non volevo tirarli giù per vedere se il mio cazzo era ancora li. Ho solo visto un buco e detto, "Oh cazzo. Rollami un po' d'erba." 
Ho chiamato la mia ragazza e gli ho detto, "Hey, mi hanno appena sparato. Chiama mia madre e diglielo." Nessuno mi si è avvicinato. Ho notato che nessuno mi guardava. Andre Harrel non mi guardava. Ero stato a cena con lui qualche giorno prima. Doveva invitarmi sul set di New York Undercover, per trovarmi un lavoro. Buffy rimaneva dietro pure. Io conoscevo Puffy. Lui sapeva quante cose avevo fatto per Biggie prima che riuscisse a venire fuori.

Quindi le persone hanno visto del sangue su di te?
Hanno iniziato a dirmi, "La tua testa! La tua testa sta sanguinando". Ma io pensavo che era solo un colpo di pistola. Poi è arrivata l'ambulanza e la polizia. Il primo poliziotto che ho visto, ho cercato di riconoscere se era lo stesso che mi ha accusato di violenza. Aveva un mezzo sorriso sulla faccia, e vedeva loro che guardavano le mie palle. Ha detto: "Come va Tupac? Che fai?".
Quando sono arrivato al Bellevue Hospital, il dottore stava tipo, "O mio Dio!". E io, "Cosa? Cosa?" E lo sentivo mentre diceva agli altri dottori, "Guarda questo. C'è della polvere da sparo proprio qui". Stava parlando della mia testa: "Questa è la ferita da dove è entrato il proiettile. Qui è dove è uscito". E quando ha fatto questo, riuscivo a sentire i buchi. Ho detto, "O mio Dio. Posso sentirlo". Non me ne ero accorto. E quando ho detto, "Oh merda, mi hanno sparato in testa!". Loro hanno detto, "Non sai  quanto sei fortunato. Ti hanno sparato cinque volte." Era..strano. Non volevo crederci. Ricordavo solo quel primo sparo, poi ogni cosa è diventata bianca.

A che punto hai pensato che stavi per morire?
No. Io ho giurato a Dio. Non per sembrare coraggioso o niente. Ho sentito che a Dio importava di me dalla prima volta che i negri hanno tirato fuori la pistola. La sola cosa che mi ha fatto male era Stretch e loro tutti caduti sul pavimento. Le pallottole non mi hanno fatto male. Niente mi ha fatto male, finchè mi hanno ricoverato. Non potevo camminare. Non potevo alzarmi, e le mie mani erano a puttane. Cercavo delle notizie e mentivano su di me.

Dimmi delle cose che ti hanno infastidito.
La prima cosa che mi ha dato fastidio era quel ragazzo che scriveva quella roba dicendo che stavo fingendo. Quello dovevo accettare, che fosse una recitazione. Quando l'ho letto, ha iniziato a piangere come un bambino, come uno stronzo. Non potevo crederci. Mi ha buttato giù. E poi la notizia cercava di dire che io avevo una pistola e avevo dell'erba con me. Invece di dire che ero un vittima, stavano facendo le cose come se fossi stato il colpevole.

Cosa dici a propositi di tutti i maligni che dicono che tu abbia perso uno dei tuoi testicoli?
Questo non mi da fastidio per davvero, perchè io pensavo, come, "Hey, Mi sto facendo l'ultima risata. Perchè ho le palle più grosse di tutti quei negri". 
I miei dottori mi hanno detto, "Puoi avere figli." La prima notte dopo la chirurgia mi hanno detto: "Tutto a posto. Il colpo è andato attraverso la pelle e fuori della pelle". La stessa cosa della testa. Attraverso e fuori la pelle.

Hai avuto molti dolori da allora?
Si, ho dei mal di testa. Mi alzavo urlando. Ho avuto degli incubi, pensando che mi stessero ancora sparando. Quello che vedo sono negri che impugnano pistole, e sento il ragazzo dire, "Spara a quel figlio di puttana". Poi mi sveglio sudato e mi sento addosso un gran mal di testa. Lo psichiatria del Bellevue ha detto che è stress post trauma.

Perchè hai lasciato il Bellevue Hospital?
Ho lasciato l'ospedale la notte seguente il ricovero. Mi stavano aiutando, ma sentivo che avevano in mente una specie di progetto scientifico. Stavano sempre a guardarmi il cazzo, e non era piacevole stare in questa situazione. Sapevo che la mia vita era in pericolo. Il Fruit Of Islam era li, ma non avevano pistole. Sapevo con che tipo di negri avevo a che fare.Quindi ho lasciato il Bellevue e sono andato al Metropolitan. Mi hanno dato un telefono e hanno detto, "Sei salvo qui. Nessuno sa che sei qui." Ma dopo un po' il telefono suona e qualcuno dice: "Non sei ancora morto?". E io mi sentivo, come, Cazzo! Questi figli di puttana non hanno pietà. Poi mi sono dato una controllata, e la mia famiglia mi ha portato in un posto salvo, da qualcuno che si interessava veramente di me a New York City.

Perchè sei andato alla corte la mattina dopo che ti hanno sparato?
Loro sono venuti al letto e hanno detto, "Pac, non hai bisogno di andare alla corte". E io dissi di no. Pensavo che se la giuria non mi vedesse, avrebbe pensato che stavo facendo dello spettacolo. Loro erano riuniti e non sapevano che ero stato colpito. Quindi sapevo che dovevo farmi vedere, non
mi importava niente. Ho giurato a Dio, la cosa più lontana che passava per la mia mente era scherzare. Tutto ciò a cui pensavo era, Alzati e combatti per la tua vita come tu combatti per la tua vita in questo ospedale.
Ero seduto in una sedia a rotelle, e il giudice non mi guardava negli occhi. Non mi ha guardato negli occhi per tutto il tempo. Poi la giuria è entrata, e tutti si comportavano come se si trattasse di una cosa da tutti i giorni. E io che mi sentivo così miracolato per essere sopravissuto.. Poi ho iniziato a capire che avrebbero fatto quello che avrebbero fatto. Quindi mi sono sentito strano, ho detto, devo uscire di qui.
Quando ho lasciato la camera stavano tutti correndo dietro me e gli ho detto: "Voi figli di puttana siete come avvoltoi". Tutto questo mi ha fatto vedere la cattiveria nel cuore degli uomini. Stavo cercando di promettere a me stesso di tenere la testa alta per tutta la mia gente li. Ma quando ho visto tutto questo, mi ha buttato giù; ha abbattuto il mio spirito.

Possiamo parlare del caso di stupro?
Va bene. Nigel and Trevor mi portarono al Nell's. Quando arrivammo li, rimasi subito impressionato, perchè era differente da tutte le altre discoteche in cui ero stato. Non era affollato, c'era un sacco di spazio, c'erano delle done bellissime. Stavo facendo conoscenza con Ronnie Lott dei New York Jets e Derrick Coleman dei Nets. E loro mi dicevano cose del tipo: "Pac, siamo orgogliosi di te". Mi sentivo così grande quella notte, perchè loro erano eroi della gente e stavano dicendo che io ero il loro eroe. Mi sono sentito sopra e oltre, come se stavo ardendo.
Qualcuno mi ha fatto conoscere questa ragazza. E la sola cosa che ho notato di lei era che aveva delle enormi tette. Ma non era attraente; era tarchiata. Money (Money B dei Digital Underground, ndv) è venuto da me e mi ha detto, "Questa ragazza vuole fare qualcosa di più che conoscerti". Sapevo già cosa voleva dire; voleva scopare. Io l'ho lasciata lì e sono andato sulla pista da ballo da solo. Stavano passando musica Jamaicana, e io stavo solo ballando.
Poi questa ragazza è venuta fuori e ha cominciato a ballare e la cosa strana era che lei non si è presentata davanti a me con la faccia, ma col culo. Quindi io ballavo quella musica reggae; sai quanto è sensuale. E lei mi tocca il cazzo, mi tocca le palle, apre la mia chiusura, e ci mette le mani dentro. C'è una piccola parte oscura nel Nell's, e ho visto persone che già lo facevano li, così lei inizia a spingermi verso quel posto. Andiamo nell'angolo. Lei mi tocca. Io mi levo la maglia mentre ballo, 
mostrandole i miei tatuaggi e tutto. Lei inizia a baciarmi la pancia, il petto, mi lecca e altra roba. Poi inizia a scendere giù, e io, "Oh merda". 
Mi tira fuori il cazzo e inizia a succhiarmelo nella pista. Quella cosa mi mandò a mille. Non stavo pensando: "Questo diventerà un caso di stupro". Stavo pensando: "Questa sarà una bella nottata".
Appena finito di fare quello che stavamo facendo, siamo usciti dalla pista da ballo. Ho detto a Nigel: "Devo uscire di qui. La porto all'hotel. Ci vediamo più tardi". Nigel disse: "No, no, no. Vengo anche io". Siamo andati all'hotel. Siamo andati sopra e abbiamo scopato, molto velocemente. Appena sono venuto, finì tutto. Ero stanco, ubriaco, sapevo che avrei dovuto alzarmi presto la mattina dopo, quindi dissi: "Cosa vuoi fare? Puoi dormire qui o puoi andartene". Mi ha lasciato il suo numero, e tutto andava alla grande. Nigel dormiva nella mia stanza tutte le notti. Quando ha saputo che lei mi aveva succhiato il cazzo sulla pista e che avevamo fatto sesso, lui e Trevor erano lividi! Trevor è un grande malato di sesso; stava andando pazzo. Mi ha continuato a chiedere: "Te la sei inculata?". Voleva sentire ogni singolo dettaglio. Ho pensato, è normale per un ragazzo, va tutto bene.

Cosa accade la notte del presunto stupro?
Dovevamo fare uno show nel New Jersey al Club 88. Questo ragazzo mi disse: "Sarò li a prenderti con una limousine, a mezzanotte." Siamo andati a fare shopping, ci siamo vestiti, eravamo tutti pronti, quando Nigel ha detto: "Perchè non la chiami?". Così mentre eravamo tutti nell'hotel a bere, se ne esce dicendo: "L'ho chiamata. Voglio dire, mi ha chiamato, e sta arrivando qui". Ma io non pensavo per niente a lei. Stavamo guardando la TV quando suonò il telefono, lei era di sotto. Nigel ha dato a Man-man, il mio manager, un po' di soldi per pagarle il taxi, ma io dissi: "Lascia che quella puttana se lo paghi da sola il taxi". Si è presentata sopra tutta carina, vestiva in modo molto provocante, come se fosse pronta per un ballo studentesco.
Eravamo tutti seduti li che parlavamo, e lei mi fa sentire a disagio, perchè invece di sedersi con Nigel e loro, si siede sul bracciolo della mia sedia. E Nigel e Trevor la guardavano come un pollo, come se fosse cibo. Era una situazione davvero imbarazzante. Quindi penso, "Okay, me la porto nella stanza e mi faccio fare un massaggio". Pensavo a quando ero stato con lei quella notte al Nell's. Quindi siamo entrati nella stanza, io mi sdraio a pancia in giù e lei mi massaggia la schiena. Poi mi giro. Comincia a massaggiarmi davanti. Questo è durato per mezz'ora. E in mezzo, ogni tanto ci fermavamo e ci baciavamo. Pensavo che mi stesse facendo un altro pompino. 
Ma prima che potesse farlo, sono entrati dei negri nella stanza e io mi sorpresi molto più di lei. Se lei avesse detto qualcosa, io avrei detto: "Aspettate, fatemi finire". Ma non dissi niente, perchè lei non disse niente. Cosa potevo sembrare se avrei detto: "Aspettate"? Potevo sembrare il suo ragazzo..
Quindi sono entrati e hanno cominciato a toccarle il culo. E dicevano: "Ohhh, ha un bel culo". Nigel non la toccava ma sentivo la sua voce comandare: "Levatele i pantaloni, levatele i pantaloni". Io mi sono alzato e sono uscito dalla stanza.
Quando sono arrivato nell'altra stanza, Man-man mi disse che Talibast, il mio agente, era venuto da me e stava aspettando nell'altra camera da letto. 
Sono andato da Talibah e abbiamo parlato di quello che aveva fatto durante il giorno, quindi mi sono sdraiato sul letto e mi sono addormentato. Quando mi sono svegliato, Nigel era in piedi sopra di me, dicendo: "Pac, Pac,". 
Tutti le luci della stanza erano accese. Tutta la situazione era completamente cambiata, capisci che dico?. Mi sentivo drogato. Non sapevo quanto tempo era passato. Quindi quando mi sono alzato, sentivo dire: "Andrai alla polizia, andrai alla polizia". Nigel è uscito dalla stanza, ed è tornato con la ragazza. Lei aveva addosso i suoi vestiti, niente era strappato. Era solo nervosa, e piangeva istericamente. "Perchè hai lasciato che mi facessero questo?". Non aveva senso. "Sono venuta per te. Tu hai permesso che mi facessero questo." E io, "Adesso non ho tempo per questa roba. Vedi di calmarti. Finiscila di gridare e fare l'isterica." Lei ha detto, "Questa non è l'ultima volta che sentirai parlare di me", e ha sbattuto la porta. E Nigel ha detto, "Non ti preoccupare di lei, Pac, non ti preoccupare. Ci penso io. E' solo fuori." Gli ho chiesto cosa fosse successo, e lui mi ha risposto, "Troppi Negri". Sai, non stavo più a preoccuparmi. I negri scesero giù, ma nessuno tornava sopra. Io ero seduto di sopra a fumare erba, pensando: "Dove cazzo sono tutti?". Poi ho ricevuto una chiamata da Talibah dalla hall dicendo: "La polizia è qui giù".

E questo è quello che ti ha mandato in carcere. Ma tu stai dicendo che non hai mai fatto niente?
Mai fatto niente. L'unica cosa che ho visto erano loro tre dentro la stanza che parlavano del suo culo. Mi sono alzato perchè quei negri sembravano malati. Non so se lei stava bene con quei negri, o se era incazzata con me perchè non l'avevo protetta. Ma so che mi sono sentito imbarazzato perchè volevo essere accettato e perchè non volevo danneggiarmi. Non ho detto niente.

Cosa pensavi delle donne nere durante il processo, e cosa pensi di loro ora?
Quando è venuta fuori l'accusa, ho odiato le donne nere. Sentivo di aver messo in discussione la mia vita. Quando feci "Keep Ya Head Up", nessuno aveva fatto canzoni per le donne nere. Io ho cacciato "Keep Ya Head Up" dal profondo del mio cuore. Era vera, e non l'hanno difesa. Credevo che le donne nere sarebbero andate in giro per la nazione dicendo, "Tupac non potrebbe fare quello a una donna". E la gente invece mi chiedeva di continuo: "L'hai fatto?"
Poi, andando al processo, ho cominciato a vedere alcune donne nere che mi aiutavano. Ora ho una visone completamente nuova di loro, perchè qui ci sono per la maggior parte guardie donne. Non mi danno favori extra, ma mi trattano con rispetto. Mi dicono, "Quando esci di qui, devi cambiare". Mi mettono al telefono coi loro bambini. Capisci cosa dico? Mi danno amore.

Ho capito che hai finito da poco un nuovo album.
Rappare.. non ho neanche l'entusiasmo di rappare ancora. Voglio dire, qui non ricordo neanche le mie liriche.

Ma stai facendo l'album, giusto?
Si. Si chiama "Me Against The World". E' la mia verità. Il mio album migliore. E siccome l'ho gia buttato giù, posso essere libero. Quando fai album Rap, devi istruire te stesso. Devi essere costantemente in un personaggio. Si vedevano spesso rapper che parlavano di cose difficili, e poi li vedi nelle suits e agli American Music Awards. Non volevo essere quel tipo di negro. Volevo rimanere vero, e questo è quello che pensavo che stavo facendo. Ma ora questa roba è finita. Questa cazzo di Thug Life..; L'ho rappresentata, l'ho messa dentro i miei lavori, l'ho esposta. Ma ora questa cosa è finita.

Quali sono i tuoi piani dopo la prigione?
Collaborare con Mike Tyson. Collaborare con Monster Koody (Sanyika Shakur) della California. Creerò un organizzazione chiamata Us First. Salverò questi giovani negri, perchè nessun altro vuole salvarli. Mai nessuno è venuto a salvarmi. La gente guarda solamente quello che ti succede. Ecco perchè la Thug Life è morta per me. Se è una cosa vera, allora lascio che la rappresenti qualcun'altro, perchè io sono stanco di farlo. L'ho rappresentata troppo. Io ero Thug Life. Ero l'unico negro a mettere in 
discussione la sua vita.

E' venuto qualcun'altro a farti visita?
Da quando sto qui ho ricevuto tipo 40 lettere. Delle ragazzine mi mandano i soldi. Tutti mi dicono che Dio è con me. La gente mi dice che odia le persone che mi hanno sparato, pregheranno per me. Ho ricevuto una lettera, e il ragazzo che l'ha scritta diceva che sperava di vedermi morto. Ma ho gente 
che si prende cura di me, come Jada Pinkett Smith, Jasmine Guy, Treach, Mickey Rourke, la mia etichetta, la Interscope, mi hanno supportato un sacco. Persino Madonna.

Puoi parlarmi della tua relazione con Madonna e Mickey Rourke?
Ho lasciato che la gente dettasse le mie amicizie. Ero quel tipo di negro, una grande Black Phanter, e perciò non potevo essere amico di Madonna. 
Quindi io l'ho insultata, anche se lei mi ha sempre mostrato affetto. Mi sono sentito male, perchè quando sono andato in prigione, l'ho chiamata e lei era l'unica persona che mi aiutava. Di quella statura. La stessa cosa con Mickey Rourke, era un mio vero amico. Non come un bianco e un nero, proprio come amico e amico. E da ora, non farò più ragionamenti razzisti strettamente per i neri. Mi sono scusato persino con Quincy Jones per tutte le cose che ho detto di lui e delle sue mogli. Mi scuserò con i fratelli Hughes..ma non con John Singleton. Mi sta inspirando a scrivere trame, perchè voglio essere in competizione con lui. Mi ha colpito da "Higher Learning" e mi ha dato un sacco di idee.

Ti preoccupi della tua sicurezza adesso?
Non ho paura della morte. La mia sola paura della morte è di tornare sulla terra reincarnato. Non sto cercando di far pensare la gente che sono qui a fingere, ma la mia intera vita sarà dedicata a salvare gli altri. Devo rappresentare la vita. Se tu dici che sarai reale, dovrai essere pronto fisicamente e mentalmente. E voglio che i negri siano educati. Sai, io stavo indirizzando la gente ad andare via dalla scuola. Dovete stare a scuola, perchè attraverso la scuola potete avere un lavoro. E se avete un lavoro, loro non potranno farci quello che fanno ora.

Pensi che la musica rap sarà vittima di altri critiche e attacchi, dato quello che ti è successo?
Oh, assolutamente. Credo che questo sia il motivo per cui mi stanno facendo questo. Perchè se non possono fermare me, possono fermare altri 30 rappers prima che nascano. Ma c'è qualcos'altro che ho capito: Se diciamo che il rap è veramente una forma d'arte, dobbiamo essere veri verso questo rap e essere più responsabili per le nostre liriche. Se tu vedi che tutti muoiono a causa di quello che dici, non significa che non li hai fatti morire, significa solo che non li hai salvati.

Hai nominato Marvin Gaye in "Keep Ya Head Up". Molte persone ti hanno paragonato a lui, per via dei tuoi conflitti personali.
Io mi sento cosi. Mi sento vicino a Marvin Gaye, Vincent Van Gogh.

Perchè Van Gogh?
Perchè nessuno apprezzava il suo lavoro finchè è morto. Ora invece è valutato milioni. Mi sento vicino a lui, per come era tormentato. Lui e anche Marvin. Mi sentivo così li fuori. Sono in prigione ora, ma sono libero. La mia mente è libera. Ho problemi solo quando dormo.

Quindi sei grato di essere dove sei ora?
E' un dono giusto. Questa è la volontà di Dio. Per tutti quelli che hanno detto che io non ero niente... il mio scopo è farli vergognare delle cose che hanno scritto su di me. Perchè ho 23 anni. E potrei essere il ragazzo di mia madre, ma in realtà, sono il ragazzo di tutti. Capisci? Nessuno mi ha cresciuto; io sono cresciuto in questa società. Ma non userò più questo fatto come una scusa. Me la caverò da solo, e cambierò. E il mio cambiamento porterà un cambiamento attraverso la comunità. E attraverso questo, loro vedranno che tipo di persona ero davvero. Dove era il mio cuore. Questa roba sulla Thug Life, era solo ignoranza. Le mie intenzioni erano sempre nel posto giusto. Non ho mai ucciso nessuno, non ho mai violentato nessuno, non ho mai commesso crimini disonorevoli che non fossero per difendermi. Quindi io voglio far capire questo. Mostrerò alla gente le mie vere intenzioni, e il mio vero cuore. Mostrerò loro l'uomo che mia madre ha cresciuto. Li renderò orgogliosi.

tradotto da Vinz